VITAMINA D3 + K2 sistema immunitario ossa crescita osteoporosi antiossidante

18,90 (as of Febbraio 23, 2021, 5:49 pm)

Vitamina D Vitamina D3 da lichene e Vitamina K2 da farina di ceci Flacone da 30 ml con contagocce Adatto ai vegani A base di vitamine D3, K2 di origine vegetale in olio di semi di girasole. Con oli essenziali di limone e arancio. Il prodotto è indicato per favorire la mineralizzazione ossea favorendo l’assorbimento/ utilizzo del calcio e del fosforo. È quindi efficace nel migliorare l’osteoporosi associata alla postmenopausa migliorando la densità ossea e riducendo il rischio di fratture. Ha inoltre effetti benefici su contrazione e trofismo muscolare oltre a stimolare il sistema immunitario. Contenuti per dose giornaliera (12 gocce pari a 0,5 ml) Vitamina D3 da lichene (1000% NRV*) Vitamina K2 (menachinone-7) (33% NRV*) Limone o.e. Arancio o.e. 50 mcg 25 mcg 0,2 mg 0,2 mg *NVR valore nutritivo di riferimento (adulti) ai sensi del Reg. EU 1169/2011 Indicazioni d’uso ADULTI – Si consiglia l’assunzione di un massimo di 12 gocce al giorno. ADOLESCENTI E DONNE IN GRAVIDANZA – Si consiglia l’assunzione di un massimo di 6 gocce al giorno. BAMBINI DA 3 ANNI IN SU – Si consiglia l’assunzione di un massimo di 3 gocce al giorno. Interazioni o effetti collaterali Sono note interazioni della vitamina K con farmaci anticoagulanti. • PROPRIETÁ SALUTISTICHE DEGLI INGREDIENTI VITAMINA D3 Con il termine vitamina D si intendono alcune sostanze (secosteroidi) in grado di regolare il metabolismo minerale osseo e del calcio. Esistono due forme di vitamina D che, pur differendo minimamente per la loro struttura chimica, hanno un metabolismo molto simile. La vitamina D3 o colecalciferolo è contenuta in piccola quantità in prodotti di origine animale (soprattutto nel fegato, olio di fegato di merluzzo, certi pesci e formaggi grassi, burro e uova) ma per la maggior parte è prodotta nella cute umana dopo irradazione ultravioletta a partire dal 7-deidro- colesterolo e la vitamina D2 o ergocalciferolo prodotta solo nei vegetali dall’irradiazione UVB a partire dall’ergosterolo. La D2 e la D3 non sono bioequivalenti né intercambiabili. I vegani/vegetariani hanno bisogno di una fonte efficace di D3 compatibile con il loro stile di vita che non derivi, come il prodotto standard, dalla lanolina. Secondo le linee-guida SIOMMMS (Società Italiana dell’Osteoporosi del Metabolismo Minerale e delle Malattie dello Scheletro) gli adulti sani dovrebbero assumere 1500-2300 UI/die e d’inverno ampia parte della popolazione italiana è a rischio ipovitaminosi D. I più giovani, gli anziani e i vegani/vegetariani sono le fasce più esposte e per cui è consigliabile l’integrazione dietetica. La vitamina D agisce a livello fisiologico sull’intestino e legandosi al suo recettore specifico (VDR), espleta le sue molteplici funzioni tra cui la prima, quella della stimolazione a livello intestinale dell’assorbimento di calcio e fosforo, per la mineralizzazione delle ossa del sistema scheletrico con la stimolazione della differenziazione degli osteoclasti, il riassorbimento del calcio nell’osso e la promozione della mineralizzazione della matrice di collagene. Oltre ad influenzare l’omeostasi delle ossa, provoca diverse risposte in altri tessuti e distretti tra cui encefalo, colon e cellule del sistema immunitario. Un punto importante è proprio la relazione tra vitamina D e sistema immunitario, essendo la carenza di vitamina D sempre più comune tra la popolazione, e portando, oltre a problemi a livello osseo, ad una maggiore suscettibilità a infezioni batteriche e virali, oltre che ad una manifestazione di patologie autoimmuni nei soggetti predisposti (quali diabete di tipo 1, sclerosi multipla, artrite reumatoide e lupus). Quindi, la vitamina D svolge un ruolo cruciale non solo nel mantenimento dell’omeostasi del calcio e delle ossa, ma anche nella modulazione delle risposte immunitarie innate e adattive, in particolare agendo sulle diverse cellule del sistema immunitario come neutrofili, macrofagi e cellule dendritiche, ma anche cellule B e cellule T: può agire sull’inibizione della proliferazione delle cellule B, bloccando la loro differenziazione assieme alla secrezione delle immunoglobuline e alla soppressione della proliferazione delle cellule T. Tutto questo si traduce come un possibile rallentamento dei processi infiammatori e dell’infiammazione a livello globale. La carenza di vitamina D è infatti associata a molte patologie croniche e autoimmuni, infezioni e alcune forme tumorali. Il suo ruolo è quindidigrandeimportanzatantochebassilivelliematicidi questa sostanza sono correlati ad un aumento del rischio di mortalità. Un articolo pubblicato dall’American Journal of Clinical Nutrition identifica il potenziale della vitamina D per il contributo allabuona salute del sistema adattivo e immunitario, alla secrezione e la regolazione dell’insulina da parte del pancreas, alla regolazione cardiaca della pressione sanguigna, alla forza muscolare e all’attività cerebrale. La vitamina D è totalmente di origine vegetale e deriva da Lichene Islandico. VITAMINA K2 La vitamina K è un cofattore essenziale per l’organismo umano. Consiste in una famiglia di molecole liposolubili strutturalmente simili: il fillochinone (2-metil-3-fitil-1,4-naftochinone), anche conosciuto come vitamina K1, è particolarmente diffuso nei vegetali a foglia verde ed è quindi una delle fonti maggioritarie di questo cofattore. I menachinoni (MK-n), conosciuti collettivamente anche come vitamina K2, presentano invece una catena laterale isoprenoide ad unità ripetute in numero variabile. I menachinoni a lunga catena, in particolare MK-7 sono le forme più attive anche per via di una emivita notevolmente più lunga nell’organismo (clearance completa dopo diversi giorni) rispetto ai fillochinoni (emivita di circa un giorno), caratteristica che determinerebbe poi un migliore assorbimento da parte dei diversi tessuti. La funzione della vitamina K2 consiste nell’agire da cofattore per alcuni enzimi responsabili della biosintesi dell’osteocalcina (OC), per diversi fattori di coagulazione del sangue (II, VII, IX, X) e per la proteina-Gla della matrice (MGP). L’osteocalcina è una proteina prodotta dagli osteoblasti (cellule deputate alla crescita del tessuto osseo) ed interviene nella corretta mineralizzazione delle ossa; essa, inattiva subito dopo la sintesi, in seguito alla carbossilazione mediata dalla vitamina K mostra alta affinità per gli ioni calcio e contribuisce a veicolarli alla matrice ossea, regolando la crescita scheletrica. Una scarsa assunzione di vitamina K ha mostrato di essere associata ad una ridotta densità minerale delle ossa, ad un aumento del rischio di fratture e all’aumento del rischio di malattie cardiovascolari e mortalità; mentre il corretto apporto specialmente di forme maggiormente efficaci e disponibili per l’organismo, come il menachinone-7, può esercitare effetti benefici per la salute delle ossa e la salute vascolare. Questa vitamina è coinvolta anche in malattie croniche legate all’età e a problemi cardiovascolari, oltre che osteoporosi e osteoartriti. In più può influire nei processi antinfiammatori e antiossidanti, andando da una parte a incidere nei pathway che coinvolgono i markers infiammatori, come il blocco della trasduzione del segnale del fattore nucleare kB (NF-kB) e dall’altra svolgendo un ruolo cruciale protettivo contro lo stress ossidativo, andando a bloccare la generazione delle specie reattive dell’ossigeno (ROS). La vitamina K influisce sul sistema immunitario e sulla risposta infiammatoria coinvolgendo le cellule T e la risposta infiammatoria. L’inibizione della proliferazione delle cellule T può rallentare la formazione e l’attivazione delle citochine responsabili della risposta infiammatoria. Proprio per questo, la carenza di vitamina K è stata associata a diverse malattie infiammatorie croniche e correlate alla mineralizzazione, come le malattie cardiovascolari, le malattie renali croniche e le malattie osteoartritiche. La vitamina K è totalmente di origine vegetale e deriva da fermentazione naturale di farina di ceci. • INFORMAZIONI AL CONSUMATORE Ingredienti: Olio di semi di girasole, Vitamina D (colecalciferolo) estratta da lichene (Cladonia rangiferina (L.) Weber ex F.H. Wigg.), Vitamina K2 (menachinone-7), antiossidante: alfatocoferolo, Arancio (Citrus aurantium var. dulcis Hayne) olio essenziale, Limone (Citrus limon (L.) Osbeck.) olio essenziale. Avvertenze Non superare la dose giornaliera consigliata. Tenere fuori dalla portata dei bambini di età inferiore a 3 anni. Gli integratori alimentari non vanno intesi come sostituti di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita. Conservazione Conservare ben chiuso in luogo fresco e asciutto, al riparo dalla luce. La data di fine validità si riferisce al prodotto correttamente conservato, in confezione integra.